annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Indicazioni

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • brigante78
    ha risposto
    Originariamente inviato da SpadoneTributario Visualizza il messaggio
    Ciao ragazzi!

    Sono il tutor di due tirocinanti 2008. Quello che posso dirvi é che sono rimasto abbastanza sbalordito dall'età media dei nuovi entrati...in effetti, ci si era abituati ai CFL (io sono entrato nel 2006), tutti giovani e rampanti...
    Stavolta invece sono entrati tantissimi over 35...nel mio ufficio sono entrati tirocinanti dai 31 ai 42 anni...molti dei quali avvocati o commercialisti o addirittura funzionari di altre amministrazioni pubbliche.

    Cos'altro dirvi? Mettetecela tutta...e' un bel posto e ci sono molte chances...io sto da 2 anni e mezzo e sono da quest'anno capo team...se vi fate valere, le occasioni non mancano (anche docenze, interventi a seminari, ecc.).

    Nota dolente: i premi (buona parte del salario) stanno riducendosi sempre più, anzi...direi accorciandosi sempre più, visto il fautore di tutto questo...
    scusa spadone ma secondo te la racc. la devo indirizzare all' ufficio gestione personale o è indifferente...perdona la banalità della domanda ma stando sul forum mi so tolto alcuni dubbi e me ne sono venuti dei più banali...

    Lascia un commento:


  • alicebowman81
    ha risposto
    ciao fabio.... spero che li da te vada tutto bene!! qui da me tutto ok!

    Lascia un commento:


  • fabrigu
    ha risposto
    Originariamente inviato da The Witcher Visualizza il messaggio
    Ottima analisi.
    Forse è per quello che nel mio ufficio i tirocinanti sono tutti (eccetto il sottoscritto) su 35 anni, con fior fiore di titoli (commercialiti, dottorati, master tributari etc. etc.).
    Si capisce che quando operavano come liberi professionisti i soldini erano di più, ma consequenzialmente anche lo stress e la mancanza di tempo libero.
    Insomma, a mio modesto avviso occorre prima aver ben chiaro cosa si cerca....
    Secondo me è il contrario, guarda... i soldi non compensavano la fatica e lo stress. Ho visto cose che voi umani... avvocati vincere tre cause diverse e doverne avviare altre tre per recuperare le parcelle! Altro che porte di Tannhauser!...
    Rispondendo invece a verbavolant: caro collega, io ho studiato contemporaneamente per l'abilitazione e per questo concorso, quindi immaginati lo stress e il tempo che ho dedicato ai quiz. Ma visto che di civile penale e amministrativo avevo una buona infarinatura essendo al secondo tentativo di abilitazione (per fortuna l'ultimo!), ho aggiunto una rispolverata agli appunti di tributario, contabilità di stato e finanza pubblica e mi sono ficcato in testa nozioni sparse di contabiltà aziendale e statistica. Imprescindibile l'Annuario del contribuente, appena esce, perchè a molti quiz ho risposto grazie a lui. Comunque, molto a macchia di leopardo, cercando di recuperare da dove capitava le nozioni che mi mancavano. Mi ha aiutato anche il libro di quiz della Simone, ma mi hanno parlato molto bene dei manuali multimateria sia Simone che Maggioli. Insomma, basta dare una chance a se stessi... provare con impegno. Se son rose...
    Se poi ti volevi riferire a raccomandati vari e scene simili, dopo quello che è successo a magistratura, per me è rimasto il concorso più trasparente! Anche se se ne sono sentite pure da noi... Se però consideri che non è un dottorato per 3 posti con 3 borse, ma un concorso per 830 posti...lo spazio di manovra non manca.
    Ancora lì? Avanti, corri a imbustare la domanda! A fare l'avvocato c'è sempre tempo ;p

    Lascia un commento:


  • verbavolant
    ha risposto
    Ragazzi sono un giovane avvocato che non vuole fare l'avvocato. Vorrei concentrarmi su questo concorso per cambiare vita e rimettermi in gioco...ma basta davvero e soltanto studiare? Si superano davvero così i concorsi?

    Lascia un commento:


  • marcozbn
    ha risposto
    Originariamente inviato da SpadoneTributario Visualizza il messaggio
    Lo spazio per i giovani non manca mai...quando entrerete (ve lo auguro), vi accorgerete di una realtà ben diversa rispetto agli stereotipi del lavoro alle dipendenze dello Stato.

    Gli unici che continuano a trattare le Entrate (e le Dogane) alla stregua di un ministero, di una ASL o di un museo sono i governanti ed i sindacati.

    I primi perché così possono tacciarci per fannualloni, ridurci i premi legittimamente conquistati (c'è qualcosa di più immediato, concreto e misurabile delle maggiori entrate da accertamento?) e darci aumenti da fame.

    I secondi perché così continuano ad esercitare una certa influenza, anche nei confronti di personale altamente professionalizzato.

    Il nostro prestigio dovrebbe essere all'altezza di quello delle Authority (Antistrust, Consob, Garante Privacy, ecc.) proprio in considerazione dell'alta professionalità...ed invece ci tarpano costantemente le ali.

    Senza contare che lo spettro della Corte dei Conti aleggia dietro ogni nostro atto...

    Vabbé...il domani sarà senz'altro migliore!

    Quoto... speriamo sempre in un domani migliore....

    Lascia un commento:


  • SpadoneTributario
    ha risposto
    Lo spazio per i giovani non manca mai...quando entrerete (ve lo auguro), vi accorgerete di una realtà ben diversa rispetto agli stereotipi del lavoro alle dipendenze dello Stato.

    Gli unici che continuano a trattare le Entrate (e le Dogane) alla stregua di un ministero, di una ASL o di un museo sono i governanti ed i sindacati.

    I primi perché così possono tacciarci per fannualloni, ridurci i premi legittimamente conquistati (c'è qualcosa di più immediato, concreto e misurabile delle maggiori entrate da accertamento?) e darci aumenti da fame.

    I secondi perché così continuano ad esercitare una certa influenza, anche nei confronti di personale altamente professionalizzato.

    Il nostro prestigio dovrebbe essere all'altezza di quello delle Authority (Antistrust, Consob, Garante Privacy, ecc.) proprio in considerazione dell'alta professionalità...ed invece ci tarpano costantemente le ali.

    Senza contare che lo spettro della Corte dei Conti aleggia dietro ogni nostro atto...

    Vabbé...il domani sarà senz'altro migliore!

    Lascia un commento:


  • Elgar
    ha risposto
    Beh Spadone spero non voglia significare che per i giovani e per i meno esperti ci sono minori possibilità di assunzione. In fondo è un tirocinio, si partecipa anche per apprendere.

    Lascia un commento:


  • The Witcher
    ha risposto
    Originariamente inviato da fabrigu Visualizza il messaggio
    Forse so io perché ci sono tanti over 30... in fondo sono del 79. Mettiamola così: quando sei appena laureato (figuriamoci poi se esci da una triennale) pensi che il mondo del lavoro aspetti te, che gli studi legali o di commercialista facciano a pugni per averti dietro una loro scrivania. In realtà non sai molto del mondo del lavoro e di cosa succeda nelle aule di tribunale o commissione tributaria o dietro le targhe d'ottone che ammiccano dalle facciate di molti palazzi. Poi ti accorgi di quanto sia dura, di quanto piccoli siano i passaggi per il vero successo, di quanto densa la melma in cui arrancano i cosìddetti meritevoli. Cominci a vedere quanto marciume ci sia dietro certi blasonati concorsi, ma nonostante tutto continui ad andare avanti. Poi un giorno ti svegli: sei avvocato, commercialista, praticante all'ennesimo tentativo di abilitazione e ti chiedi se ne valga davvero la pena, se sia quella la strada che hai scelto, se sia giusto insistere. Ti guardi intorno e vedi che al di sotto della luce che hai sempre seguito come una stella polare, si agitano decine di altri concorsi, carriere che avevi snobbato, percorsi di cui non conoscevi nemmeno l'esistenza. E improvvisamente la luce in alto sembra offuscarsi e queste nuove opportunità prendono a brillare più intensamente, sono nuove promesse di stabilità, di possibilità. Così, ti trovi a imbustare domande, ad aspettare ricevute di ritorno, a consultare la Gazzetta, a girare per l'Italia per sostenere una ad una tutte le prove previste dai bandi; un quiz preselettivo qua, uno scritto di tre giorni là, un altro scritto dall'altra parte. E un giorno succede: il tuo nome compare nella graduatoria di ammessi ad uno dei concorsi, forse non ricordi nemmeno quale. Hai 35, 40, 55, 60 anni e finalmente, forse, stai cominciando a lavorare sul serio. Potrai programmare il tuo futuro, cominciare una vita tutta tua o riscrivere il tuo copione come avresti voluto fosse sempre stato scritto.
    E poi ti svegli... no, cacchio, lasciatemi sognare un altro po'! ;p
    Drammatizzazioni a parte, certi concorsi vengono affrontati non soltanto da giovani laureati, ma anche da tante altre persone che hanno provato a stare nel mondo del lavoro e hanno toccato con mano quanto sia dura e quanto poco, in alcuni casi, ne valga la pena. Si tratta di persone più preparate, di gente che ha conosciuto sul campo molte cose che i più giovani hanno letto solo nei libri. Hanno per forza una marcia in più.
    Comunque l'età non è decisa dalla commissione, abbiamo passato due prove a quiz con correzione automatica. Evidentemente molti giovani stanno ancora tentando la libera professione. A loro vanno i miei migliori auguri. A chi sta tentando la strada del pubblico impiego dico solo: teniamo duro e andiamo avanti, c'è una poltrona che ci aspetta!
    Ottima analisi.
    Forse è per quello che nel mio ufficio i tirocinanti sono tutti (eccetto il sottoscritto) su 35 anni, con fior fiore di titoli (commercialiti, dottorati, master tributari etc. etc.).
    Si capisce che quando operavano come liberi professionisti i soldini erano di più, ma consequenzialmente anche lo stress e la mancanza di tempo libero.
    Insomma, a mio modesto avviso occorre prima aver ben chiaro cosa si cerca....

    Lascia un commento:


  • cloely
    ha risposto
    Originariamente inviato da fabrigu Visualizza il messaggio
    Forse so io perché ci sono tanti over 30... in fondo sono del 79. Mettiamola così: quando sei appena laureato (figuriamoci poi se esci da una triennale) pensi che il mondo del lavoro aspetti te, che gli studi legali o di commercialista facciano a pugni per averti dietro una loro scrivania. In realtà non sai molto del mondo del lavoro e di cosa succeda nelle aule di tribunale o commissione tributaria o dietro le targhe d'ottone che ammiccano dalle facciate di molti palazzi. Poi ti accorgi di quanto sia dura, di quanto piccoli siano i passaggi per il vero successo, di quanto densa la melma in cui arrancano i cosìddetti meritevoli. Cominci a vedere quanto marciume ci sia dietro certi blasonati concorsi, ma nonostante tutto continui ad andare avanti. Poi un giorno ti svegli: sei avvocato, commercialista, praticante all'ennesimo tentativo di abilitazione e ti chiedi se ne valga davvero la pena, se sia quella la strada che hai scelto, se sia giusto insistere. Ti guardi intorno e vedi che al di sotto della luce che hai sempre seguito come una stella polare, si agitano decine di altri concorsi, carriere che avevi snobbato, percorsi di cui non conoscevi nemmeno l'esistenza. E improvvisamente la luce in alto sembra offuscarsi e queste nuove opportunità prendono a brillare più intensamente, sono nuove promesse di stabilità, di possibilità. Così, ti trovi a imbustare domande, ad aspettare ricevute di ritorno, a consultare la Gazzetta, a girare per l'Italia per sostenere una ad una tutte le prove previste dai bandi; un quiz preselettivo qua, uno scritto di tre giorni là, un altro scritto dall'altra parte. E un giorno succede: il tuo nome compare nella graduatoria di ammessi ad uno dei concorsi, forse non ricordi nemmeno quale. Hai 35, 40, 55, 60 anni e finalmente, forse, stai cominciando a lavorare sul serio. Potrai programmare il tuo futuro, cominciare una vita tutta tua o riscrivere il tuo copione come avresti voluto fosse sempre stato scritto.
    E poi ti svegli... no, cacchio, lasciatemi sognare un altro po'! ;p
    Drammatizzazioni a parte, certi concorsi vengono affrontati non soltanto da giovani laureati, ma anche da tante altre persone che hanno provato a stare nel mondo del lavoro e hanno toccato con mano quanto sia dura e quanto poco, in alcuni casi, ne valga la pena. Si tratta di persone più preparate, di gente che ha conosciuto sul campo molte cose che i più giovani hanno letto solo nei libri. Hanno per forza una marcia in più.
    Comunque l'età non è decisa dalla commissione, abbiamo passato due prove a quiz con correzione automatica. Evidentemente molti giovani stanno ancora tentando la libera professione. A loro vanno i miei migliori auguri. A chi sta tentando la strada del pubblico impiego dico solo: teniamo duro e andiamo avanti, c'è una poltrona che ci aspetta!
    Sante parole!
    Speriamo che qualcuno lassù le ascolti e che stavolta sia quella giusta!!!

    Lascia un commento:


  • fabrigu
    ha risposto
    Forse so io perché ci sono tanti over 30... in fondo sono del 79. Mettiamola così: quando sei appena laureato (figuriamoci poi se esci da una triennale) pensi che il mondo del lavoro aspetti te, che gli studi legali o di commercialista facciano a pugni per averti dietro una loro scrivania. In realtà non sai molto del mondo del lavoro e di cosa succeda nelle aule di tribunale o commissione tributaria o dietro le targhe d'ottone che ammiccano dalle facciate di molti palazzi. Poi ti accorgi di quanto sia dura, di quanto piccoli siano i passaggi per il vero successo, di quanto densa la melma in cui arrancano i cosìddetti meritevoli. Cominci a vedere quanto marciume ci sia dietro certi blasonati concorsi, ma nonostante tutto continui ad andare avanti. Poi un giorno ti svegli: sei avvocato, commercialista, praticante all'ennesimo tentativo di abilitazione e ti chiedi se ne valga davvero la pena, se sia quella la strada che hai scelto, se sia giusto insistere. Ti guardi intorno e vedi che al di sotto della luce che hai sempre seguito come una stella polare, si agitano decine di altri concorsi, carriere che avevi snobbato, percorsi di cui non conoscevi nemmeno l'esistenza. E improvvisamente la luce in alto sembra offuscarsi e queste nuove opportunità prendono a brillare più intensamente, sono nuove promesse di stabilità, di possibilità. Così, ti trovi a imbustare domande, ad aspettare ricevute di ritorno, a consultare la Gazzetta, a girare per l'Italia per sostenere una ad una tutte le prove previste dai bandi; un quiz preselettivo qua, uno scritto di tre giorni là, un altro scritto dall'altra parte. E un giorno succede: il tuo nome compare nella graduatoria di ammessi ad uno dei concorsi, forse non ricordi nemmeno quale. Hai 35, 40, 55, 60 anni e finalmente, forse, stai cominciando a lavorare sul serio. Potrai programmare il tuo futuro, cominciare una vita tutta tua o riscrivere il tuo copione come avresti voluto fosse sempre stato scritto.
    E poi ti svegli... no, cacchio, lasciatemi sognare un altro po'! ;p
    Drammatizzazioni a parte, certi concorsi vengono affrontati non soltanto da giovani laureati, ma anche da tante altre persone che hanno provato a stare nel mondo del lavoro e hanno toccato con mano quanto sia dura e quanto poco, in alcuni casi, ne valga la pena. Si tratta di persone più preparate, di gente che ha conosciuto sul campo molte cose che i più giovani hanno letto solo nei libri. Hanno per forza una marcia in più.
    Comunque l'età non è decisa dalla commissione, abbiamo passato due prove a quiz con correzione automatica. Evidentemente molti giovani stanno ancora tentando la libera professione. A loro vanno i miei migliori auguri. A chi sta tentando la strada del pubblico impiego dico solo: teniamo duro e andiamo avanti, c'è una poltrona che ci aspetta!

    Lascia un commento:

Sto operando...
X