annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Procedimento penale

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Procedimento penale

    .wysiwyg { TEXT-ALIGN: left; FONT: 10pt lucida, 'lucida grande', arial, helvetica, sans-serif; BACKGROUND: #ecf2f9; COLOR: #000000 } P { MARGIN: 0px } .inlineimg { VERTICAL-ALIGN: middle } Salve a tutti, vi chiedo un'importante informazione:

    ho da qualche tempo un procedimento penale a carico, per il reato di resistenza a p.u.. Tralascerei di dire che, oltre ad essere anche parte offesa, è un procedimento basato sul nulla, cmq su un reato da me non commesso.
    Ora, a prescindere da ciò, che poco interessa ai fini della mia domanda, l'avere un procedimento penale a carico non comporta l'esclusione dalla procedura giusto? Da quanto è scritto nel bando ciò non dovrebbe avvenire, dato che lo stesso parla di interdizione dai pubblici uffici o di aver riportato condanne, ed in quest'ultimo caso sarebbe cmq a discrezione dell'AE.

  • #2
    Originariamente inviato da Robert1980 Visualizza il messaggio
    .wysiwyg { TEXT-ALIGN: left; FONT: 10pt lucida, 'lucida grande', arial, helvetica, sans-serif; BACKGROUND: #ecf2f9; COLOR: #000000 } P { MARGIN: 0px } .inlineimg { VERTICAL-ALIGN: middle } Salve a tutti, vi chiedo un'importante informazione:

    ho da qualche tempo un procedimento penale a carico, per il reato di resistenza a p.u.. Tralascerei di dire che, oltre ad essere anche parte offesa, è un procedimento basato sul nulla, cmq su un reato da me non commesso.
    Ora, a prescindere da ciò, che poco interessa ai fini della mia domanda, l'avere un procedimento penale a carico non comporta l'esclusione dalla procedura giusto? Da quanto è scritto nel bando ciò non dovrebbe avvenire, dato che lo stesso parla di interdizione dai pubblici uffici o di aver riportato condanne, ed in quest'ultimo caso sarebbe cmq a discrezione dell'AE.
    Sulla base della dichiarazione sostitutiva che abbiamo dovuto presentare prima dell'inizio del tirocinio a me risulta che si è esclusi dalla procedura in caso di procedimenti penali in corso...

    Commenta


    • #3
      Avere un procedimento penale a carico non vuol dire essere colpevole di tal reato.

      Ovvio che se l'accusa era di concorso mafioso l'AE saresti stato escluso, la "resistenza a p.u." si può configurare anche nel caso in cui il p.u. ti mette "amabilmente" il braccio intorno alle spalle per "accompagnarti" e tu hai uno scatto della serie "non mi metta le mani addosso"...
      Conosco diversi p.u. e la loro suscettibilità in caso di "mancata ottemperanza" a ciò che loro intendono (nella loro testa) essere un "ordine" e/o "rispetto" da dare ad un "militare"...

      Comunque...
      Recenti e molteplici sentenze (una famosa è quella Tar Campania
      sentenza 8730 del 27/06/2005, la trovi facilmente in giro sul web)hanno dichiarato che l'omissione della dichiarazione dei procedimenti penali in corso non giustifica l'esclusione dal concorso (si parla di procedimenti pendenti).

      In realtà la dichiarazione sui processi pendenti avrebbe scopo "esplorativo" per la p.a. che può assumerti a seguito di superamento della procedura concorsuale.

      Tuttavia tu non hai dichiarato qualcosa ad una p.a. in procedura concorsuale che te lo aveva chiesto.
      Sarebbe stato semplice se tu fossi stato solo "indagato" (perchè potevi non essere a conoscenza dele indagini in corso), ma a quanto dici sei imputato e benchè tu non sia stato dichiarato colpevole ciò comporta quantomeno l'omissione di dichiarazione di cui eri a conoscenza e che non hai fatto...
      In AE potrebbero essere suscettibili a riguardo ed escluderti dalla procedura.
      Dico potrebbero perchè è discrezionale vista la tua situazione.

      Tutt'altro discorso (ovviamente) in caso di condanne definitive.

      Commenta


      • #4
        Correttismo quello che scrive Razzo. L'essere indagato o anche imputato non comporta esclusione dalla procedura concorsuale e tantomeno è ostacolo all'assunzione. E' ovviamente necessario che il candidato abbia dichiarato la sussistenza di processi penali (ovvero di procedimenti per cui sia stata già esercitata la'zione penale) o anche di procedimenti nella fase delle indagini preliminari, qualora il candidato ne fosse a conoscenza, oltre a altri provvedimenti iscrivibili nel casellario giudiziale (sentenze di fallimento, assoluzioni per vizio totale di mente..).Se il procedimento è iniziato dopo aver presentato le dichiarazioni del primo tirocinio credo sia necessario indicare all'ae la variazione della situazione. E in ogni caso neanche una condanna definitiva può precludere l'assunzione, se non comporta l'interdizione dai pubblici uffici o non sia per un reato che il CCNL preveda come causa di licenziamento. Nella fase del tirocinio il bando prevedeva che in caso di procedimenti penali o condanne vi potesse essere una escusione con provvedimento motivato.Ma, a prescindere da ogni considerazione su questa ipotesi, ormai questa facoltà non può più essere esercitata.

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da Razzo Visualizza il messaggio
          Avere un procedimento penale a carico non vuol dire essere colpevole di tal reato.

          Ovvio che se l'accusa era di concorso mafioso l'AE saresti stato escluso, la "resistenza a p.u." si può configurare anche nel caso in cui il p.u. ti mette "amabilmente" il braccio intorno alle spalle per "accompagnarti" e tu hai uno scatto della serie "non mi metta le mani addosso"...
          Conosco diversi p.u. e la loro suscettibilità in caso di "mancata ottemperanza" a ciò che loro intendono (nella loro testa) essere un "ordine" e/o "rispetto" da dare ad un "militare"...

          Comunque...
          Recenti e molteplici sentenze (una famosa è quella Tar Campania
          sentenza 8730 del 27/06/2005, la trovi facilmente in giro sul web)hanno dichiarato che l'omissione della dichiarazione dei procedimenti penali in corso non giustifica l'esclusione dal concorso (si parla di procedimenti pendenti).

          In realtà la dichiarazione sui processi pendenti avrebbe scopo "esplorativo" per la p.a. che può assumerti a seguito di superamento della procedura concorsuale.

          Tuttavia tu non hai dichiarato qualcosa ad una p.a. in procedura concorsuale che te lo aveva chiesto.
          Sarebbe stato semplice se tu fossi stato solo "indagato" (perchè potevi non essere a conoscenza dele indagini in corso), ma a quanto dici sei imputato e benchè tu non sia stato dichiarato colpevole ciò comporta quantomeno l'omissione di dichiarazione di cui eri a conoscenza e che non hai fatto...
          In AE potrebbero essere suscettibili a riguardo ed escluderti dalla procedura.
          Dico potrebbero perchè è discrezionale vista la tua situazione.

          Tutt'altro discorso (ovviamente) in caso di condanne definitive.
          La sentenza citata fa riferimento al fatto che il ricorrente ha presentato un documento in cui dichiarava l'assenza di procedimenti penali solo successivamente. Tutta la motivazione quindi di tale post è infondata.

          Commenta


          • #6
            Buonasera, ho ricevuto una notifica di indagini preliminari a partire dal 31 luglio 2014 con durata di 6 mesi per una di quelle cose che non ti aspetteresti mai che succedano nella tua vita. Un vaso caduto dal mio balcone e che ha ferito un bambino di 8 anni che stava sotto sul marciapiede. Non vivo in condominio ma ho una villetta. Ho subito soccorso il piccolo e la madre arrivata in seguito all'accaduto sembra convinta che io fossi sul balcone per annaffiare le piante nei vasi quando invece mi trovavo al piano terra a mettere la biancheria in lavatrice (così come ho descritto ai poliziotti che mi hanno chiesto dove mi trovassi durante il fatto). Durante questo periodo non sono mai stata contattata dal tribunale e nessuno è venuto a verificare lo stato del balcone che dopo il fatto abbiamo provveduto subito a risistemare e ad effettuare una buona manutenzione. Ad oggi è quasi passato un anno ed ancora non ho ricevuto nessuna notizia di archiviazione e successivamente nessuno mi ha informato su ulteriori procedimenti in corso e mi trovo davanti l'opportunità di partecipare ad un concorso all'ordine dei dottori commercialisti di una provincia sarda visto che mi sono laureata in economia e finanza da circa 1 anno. Ora, a parte richiedere il vostro perdono se ho scritto tanto ma la cosa per me è stata traumatica ed ancora quando ci penso tremo, secondo voi posso partecipare al concorso e visto che ho subito indagini preliminari devo allegare alla domanda il Certificato ex art. 335 c.p.p. qualora dallo stesso si evincesse che risulto ancora indagata perchè le indagini si sono arenate come spesso succede nelle procure ma che essendo passati sei mesi posso relazionare gli estremi dell'atto e la mancanza di una risposta da parte dell'autorità giudiziaria da più di un anno quindi ben oltre i termini dei 6 mesi di indagine? Indagini arenate come consuetudine spesso usuale nelle procure italiane dalle notizie che si possono trovare sul web in merito alla questione. Se dal Certificato ex art. 335 c.p.p. dovesse risultare invece che le indagini sono state archiviate, ma nulla mi è mai stato comunicato, come spesso succede nelle procure italiane, devo comunque comunicare di avere subito nell'anno precedente delle indagini preliminari? Perchè per norma a me ancora nulla è stato notificato in termini di archiviazione o ulteriori procedimenti. Il più e più specifico lo chiederò a giorni comunque al mio avvocato che ha in mano questa pratica. Ad esempio volevo darvi i reati agli articoli del c.p. per i quali sono stata indagata ma dovrei contattare a breve come già ho detto anche il mio avvocato che ha lui la notifica. Potete comunque darmi un parere di massima su quello che pensate in merito alla partecipazione al concorso? Da quello che avete potuto capire non si tratta di reati connessi a criminalità ma di un fatto generico che comunque riesce a cambiarti la vita.


            Cordiali saluti


            Lisa

            Commenta

            Sto operando...
            X