annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

incompatibilità lavoro del dipendente agenzia entrate

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • incompatibilità lavoro del dipendente agenzia entrate

    Salve!
    Leggendo il bando di concorso, il CCNL e il D.P.R. 16-1-2002 n. 18 ho la forte sensazione che non sarà possibile, per quanti svolgono il praticantato come commercialista, avvocato etc., proseguire nel tirocinio dato che al punto 9.2 del bando "L’esclusione dal tirocinio può, altresì, essere disposta dal Direttore regionale nelle ipotesi di
    cui al punto 2.3 e per comportamenti contrari ai principi di diligenza, correttezza e buona fede e
    comunque non conformi alle norme contenute nel Codice di comportamento dei dipendenti
    delle pubbliche amministrazioni (D.P.C.M. 28/11/2000) e nel Regolamento di indipendenza ed
    autonomia tecnica del personale delle Agenzie fiscali (D.P.R. n. 18/2002). " che recita all'articolo 4 "Incompatibilità e conflitto di interessi.
    1. Fermo restando quanto previsto dalla normativa di legge e di contratto in materia di incompatibilità e di cumulo di impieghi, il personale delle agenzie fiscali non svolge attività o prestazioni che possano incidere sull'adempimento corretto e imparziale dei doveri d'ufficio, e non esercita, a favore di terzi, attività di consulenza, assistenza e rappresentanza in questioni di carattere fiscale, tributario e comunque connesse ai propri compiti istituzionali.
    2. Al personale delle agenzie è inibito lo svolgimento, in particolare, delle attività fiscali o tributarie proprie o tipiche degli avvocati, dei dottori commercialisti, dei ragionieri e dei periti commerciali e dei consulenti del lavoro, nonché delle attività relative a servizi contabili e elaborazione dati, nonché a servizi di certificazione delle firme elettroniche o altri servizi connessi a tali firme, di informazione commerciale, delle attività proprie o tipiche degli ingegneri, architetti, geometri, periti tecnici, consulenti immobiliari, agenti immobiliari e delle attività relative a servizi connessi agli immobili, nonché delle attività proprie o tipiche degli spedizionieri doganali, e di ogni altra attività che appaia incompatibile con la corretta ed imparziale esecuzione dell'attività affidata all'Agenzia fiscale. "

    che ne pensate?

  • #2
    Originariamente inviato da maopas Visualizza il messaggio
    Salve!
    Leggendo il bando di concorso, il CCNL e il D.P.R. 16-1-2002 n. 18 ho la forte sensazione che non sarà possibile, per quanti svolgono il praticantato come commercialista, avvocato etc., proseguire nel tirocinio dato che al punto 9.2 del bando "L’esclusione dal tirocinio può, altresì, essere disposta dal Direttore regionale nelle ipotesi di
    cui al punto 2.3 e per comportamenti contrari ai principi di diligenza, correttezza e buona fede e
    comunque non conformi alle norme contenute nel Codice di comportamento dei dipendenti
    delle pubbliche amministrazioni (D.P.C.M. 28/11/2000) e nel Regolamento di indipendenza ed
    autonomia tecnica del personale delle Agenzie fiscali (D.P.R. n. 18/2002). " che recita all'articolo 4 "Incompatibilità e conflitto di interessi.
    1. Fermo restando quanto previsto dalla normativa di legge e di contratto in materia di incompatibilità e di cumulo di impieghi, il personale delle agenzie fiscali non svolge attività o prestazioni che possano incidere sull'adempimento corretto e imparziale dei doveri d'ufficio, e non esercita, a favore di terzi, attività di consulenza, assistenza e rappresentanza in questioni di carattere fiscale, tributario e comunque connesse ai propri compiti istituzionali.
    2. Al personale delle agenzie è inibito lo svolgimento, in particolare, delle attività fiscali o tributarie proprie o tipiche degli avvocati, dei dottori commercialisti, dei ragionieri e dei periti commerciali e dei consulenti del lavoro, nonché delle attività relative a servizi contabili e elaborazione dati, nonché a servizi di certificazione delle firme elettroniche o altri servizi connessi a tali firme, di informazione commerciale, delle attività proprie o tipiche degli ingegneri, architetti, geometri, periti tecnici, consulenti immobiliari, agenti immobiliari e delle attività relative a servizi connessi agli immobili, nonché delle attività proprie o tipiche degli spedizionieri doganali, e di ogni altra attività che appaia incompatibile con la corretta ed imparziale esecuzione dell'attività affidata all'Agenzia fiscale. "

    che ne pensate?
    Il tirocinante non è personale dell'Agenzia. Il problema si porrebbe concretamente solo successivamente all'assunzione.

    Commenta


    • #3
      allora, il tuo quesito è più che legittimo ma si deve trattare di esercizio dell'attività elencate e non della condizione soggettiva. Piuttosto, ma per altri motivi, è il tirocinio che esclude il praticantato......ti ricordo infatti che dovresti garantire 4 ore giornaliere al tuo dominus. In ogni caso sono situazioni facilmente aggirabili. Basta che tu non comun ichi nulla al tuo ordine di appartenenza e trovi un commercialista o un avvocato disposto a mantenerti la firma. Ovviamente ti parlo con cognizione di causa in quanto commercialista.

      Commenta


      • #4
        oh ma si fa di tutto per depistare possibili colleghi e concorrenti......terribile!! pero' devo dire che stando qui sto imparando a guardarmi le spalle e a noncredere a tutto quello chesi dice in giro!!!!! eh eh he

        Commenta


        • #5
          non mi preoccupavo per il praticantato ..ma prprio perchè non si è dipendenti dell'AdE, il fatto che fosse richiamto il DPR 18/2002 come causa di esclusione dal tirocinio mi ha fatto sorgere il dubbio che bisognerà sospenderlo in quei sei mesi in attesa del buon esito della prova finale...all'ordine non interessa che lavoro fai ma non vorrei che qualcuno vada a sfrugugliare per tagliare teste...

          Commenta


          • #6
            ciao

            innanzi tutto ti volevo rassicurare in merito al praticantato come commercialista, in quanto so per certo che molte persone assunte ormai da 2/3 anni in ae nella mia regione, hanno continuato il praticantato senza alcun problema, l'unica cosa necessaria era l'autorizzazione da parte del direttore, in quanto, l'agenzia ha tutto l'interesse ad avere come funzionari persone altamente qualificate e professionalizzate, e l'iscrizione ad un albo, avvocato o dott. commercialista è vista molto di buon occhio, anzi addirittura in sede di graduatoria, per eventuali cambi di sede ecc, da diritto ad un punteggio aggiuntivo.
            per cui non credo che questo possa giustificare l'esclusione dal tirocinio, il conflitto ci sarebbe se uno esercitasse per conto proprio...

            Commenta


            • #7
              ciao collè
              I.Santacrocelover

              Commenta


              • #8
                grazie... immaginavo che si potesse ovviare con una autorizzazione...ma bisogna sempre stare attenti..soprattutto in questi giorni di accanimento"pubblico"!!!

                Commenta


                • #9
                  Credo che bisognerà rinunciare al tirocinio fatto fino ad ora...io sono iscritto all'ordine dei dottori commercialisti di palermo....e un mese fa circa mi è arrivata una e-mail dove diceva chiaramente che il tirocinio non può più essere interroto se non per casi gravi e certificati...io sono al secondo anno di tirocinio e nel caso in cui dovessi duperare la seconda prova mi sa che entrerò in crisi....
                  rischiare all'ae e perdere il tirocinio fatto....o continuare col tirocinio e rinunciare all'ae?

                  C'è da valutare attentamente....purtroppo...

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da Morana Visualizza il messaggio
                    Credo che bisognerà rinunciare al tirocinio fatto fino ad ora...io sono iscritto all'ordine dei dottori commercialisti di palermo....e un mese fa circa mi è arrivata una e-mail dove diceva chiaramente che il tirocinio non può più essere interroto se non per casi gravi e certificati...io sono al secondo anno di tirocinio e nel caso in cui dovessi duperare la seconda prova mi sa che entrerò in crisi....
                    rischiare all'ae e perdere il tirocinio fatto....o continuare col tirocinio e rinunciare all'ae?

                    C'è da valutare attentamente....purtroppo...
                    Io faccio la pratica da commercialista a firenze, e non è stato comunicato nulla di simile, mentre permane la possibilità di sospendere per un periodo non eccedente i 18 mesi. Al contrario, sono daccordo con i post precedenti circa la possibilità di proseguire la pratica nonostante il lavoro in AE, previa, naturalmente, autorizzazione da parte del direttore, mentre non mi preoccuperei affatto degli ordini locali, la pratica fittizia è una "pratica" diffusa, ed anche troppo, e nessuno vigila e controlla, dunque nessun problema.

                    Commenta

                    Sto operando...
                    X